Codice Etico

Capo I – Principi generali

Art. 1 Natura del Codice
Il Codice etico (di seguito: “Codice”) è un documento ufficiale della Caffè Trombetta S.p.A. (anche “Società”), approvato dal Consiglio di Amministrazione, che raccoglie i principi e le regole comportamentali in cui Caffè Trombetta S.p.A. si riconosce per il perseguimento delle finalità di cui all’art. 2. Il Codice traccia, altresì, la disciplina generale cui sono soggetti tutti coloro i quali operano nel contesto aziendale e con la Società.

Art. 2 Contenuto e finalità
Il Codice ha come scopo precipuo quello di dichiarare e diffondere i valori e le regole comportamentali cui Caffè Trombetta S.p.A. intende far costante riferimento nell’esercizio della propria attività imprenditoriale.

Art. 3 Destinatari
Sono destinatari del presente Codice:
a) gli Organi sociali;
b) il Personale (i dirigenti, i dipendenti, gli agenti con rappresentanza, i lavoratori parasubordinati ed i collaboratori con rappresentanza esterna) della Caffè Trombetta S.p.A.;
c) i consulenti ed i fornitori di beni e servizi, anche professionali, e chiunque svolga attività per Caffè Trombetta S.p.A. senza rappresentanza.

Art. 4 Obbligatorietà
1. I destinatari del Codice, di cui all’art. 3, sono obbligati ad osservarne e rispettarne i principi ed a conformarsi alle sue regole comportamentali.
2. La conoscenza e l’adeguamento alle prescrizioni del Codice rappresentano un requisito indispensabile ai fini dell’instaurazione ed al mantenimento di rapporti collaborativi con terzi, nei confronti dei quali Caffè Trombetta S.p.A. s’impegna a diffondere ogni connessa informativa.
3. I soggetti indicati sub a), b), dell’art. 3 che violino le disposizioni del Codice sono passibili di sanzioni ai sensi del sistema disciplinare che costituisce parte integrante del Modello di organizzazione, gestione e controllo adottato dalla Caffè Trombetta S.p.A. ai sensi del D.lgs. n. 231/01.
4. Per i soggetti indicati alla lett. b) dell’art. 3 la violazione può costituire giusta causa di recesso o di risoluzione del contratto. Per i soggetti cui alla lett. c), la Caffè Trombetta S.p.A. valuterà, in considerazione della tipologia del rapporto, l’opportunità di inserire nei relativi contratti le suddette clausole.

Art. 5 Entrata in vigore
1. Il Codice entra in vigore alla data della sua approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione della Caffè Trombetta S.p.A., data riportata nelle copie da diffondere.

Art. 6 Pubblicità del Codice
1. Il Codice è condiviso all’interno dell’Azienda mediante consegna di copia ai soggetti di cui all’art. 3.
2. Una copia del Codice viene affissa nella bacheca aziendale e pubblicata su intranet con sito dedicato.
3. La Direzione Amministrativa svolge nei confronti dei dipendenti un idoneo programma di formazione e sensibilizzazione continua sulle tematiche relative al Codice etico.

Art. 7 Aggiornamenti
1. Il Consiglio di Amministrazione ha facoltà di modificare, integrare, aggiornare il presente Codice dandone immediata comunicazione ed informativa ai soggetti tenuti all’applicazione dello stesso.

Capo II – Principi di etica d’impresa

Art. 8 Correttezza
1. Caffè Trombetta S.p.A. vigila affinché tutti i soggetti operanti al suo interno si uniformino ai principi di correttezza e di lealtà nell’espletamento delle proprie funzioni, interne ed esterne, anche ai fini del mantenimento dell’immagine della Società e del rapporto di fiducia instaurato con la clientela ed, in genere, con i terzi.

Art. 9 Onestà negli affari
1. Il personale della Caffè Trombetta S.p.A. deve assumere un atteggiamento corretto ed onesto, sia nello svolgimento delle proprie mansioni, sia nei rapporti con gli altri componenti della Società, evitando di perseguire scopi illeciti o illegittimi, ovvero di generare ipotesi di conflitto di interessi per procurare a sé od a terzi un indebito vantaggio.
2. In nessun caso l’interesse o il vantaggio della Caffè Trombetta S.p.A. possono indurre e/o giustificare un comportamento disonesto.

Art. 10 Informazione trasparente e completa
1. Caffè Trombetta S.p.A., rispettosa del principio di trasparenza, si impegna a divulgare una corretta, veritiera e completa informazione a favore di terzi.

Art. 11 Concorrenza leale
1. Nel rispetto delle normative, nazionali e comunitarie, in materia di antitrust, nonché delle linee guida e direttive del Garante Nazionale della Concorrenza e del Mercato, Caffè Trombetta S.p.A. non assume comportamenti finalizzati a ledere la libertà dell’industria e del commercio, né sottoscrive accordi con altre Società che possano influenzare negativamente il regime di concorrenza e di pari opportunità del mercato di riferimento.
2. Caffè Trombetta S.p.A. tutela i propri diritti sulla proprietà intellettuale (brevetti, denominazioni commerciali, marchi, diritti d’autore e segreti commerciali).
3. Allo stesso modo non viola i contratti di licenza di diritti di proprietà intellettuale altrui e non ne fa un uso non autorizzato.

Art. 12 Imparzialità
1. Caffè Trombetta S.p.A. s’impegna al rispetto dei principi di imparzialità e lealtà, non solo nell’espletamento delle mansioni delegate ai singoli, ma anche nei rapporti con i propri interlocutori.

Art. 13 Riservatezza e tutela della privacy
1. Caffè Trombetta S.p.A. presta particolare attenzione all’attuazione delle prescrizioni in materia di protezione e tutela dei dati personali previste dal d.lgs. n. 196/2003.
2. Ciascun collaboratore è tenuto a conformarsi al documento programmatico sulla sicurezza dei dati personali adottato dalla Caffè Trombetta S.p.A..
3. In particolare non è consentito, né direttamente né indirettamente:
• rivelare informazioni aziendali ad altri, inclusi altri dipendenti, a meno che non ne abbiano legittima necessità in ragione del loro lavoro, e qualora non siano dipendenti abbiano accettato di tenerle riservate;
• usare informazioni aziendali per alcuno scopo diverso da quello al quale sono destinate;
• fare copie di documenti contenenti informazioni aziendali o rimuovere documenti od altro materiale archiviato o copie degli stessi dalle postazioni di lavoro, eccettuati i casi in cui ciò sia necessario per eseguire compiti specifici;
• distruggere impropriamente informazioni aziendali.
4. Tutti i documenti aziendali, i messaggi di posta elettronica ed altri materiali contenenti informazioni aziendali, nonché tutti i materiali redatti con l’uso di tali documenti, sono di proprietà della Caffè Trombetta S.p.A. e devono essere restituiti all’azienda su richiesta della medesima od al termine del rapporto di lavoro.
5. La documentazione che non è necessario conservare deve essere distrutta in modo conforme alle politiche aziendali e, qualora contenga dati personali, nel rispetto delle norme contenute nel D.lgs. n. 196/2003.

Art. 14 Diligenza ed accuratezza
1. Caffè Trombetta S.p.A. cura che il personale adempia le proprie mansioni con la diligenza ed accuratezza necessarie, nel rispetto delle direttive impartite dai superiori gerarchici e/o responsabili ed, in generale, degli standard qualitativi aziendali.

Art. 15 Equità ed uguaglianza
1. Caffè Trombetta S.p.A. è intenta a sviluppare lo spirito aziendale di appartenenza e condanna qualsiasi forma di discriminazione e/o di abuso sia nell’ambito dei rapporti interni che esterni.

Art. 16 Principio gerarchico
1. Caffè Trombetta S.p.A. si conforma al principio secondo cui ciascuno, sulla base del proprio livello di collocazione nell’organigramma della Società, è valutato con criteri meritocratici ed è competente e responsabile delle proprie azioni ed omissioni.
2. Il soggetto che riveste funzioni di gestione e rappresentanza in ambito aziendale, anche a livello di funzione, esercita l’indirizzo, il coordinamento ed il controllo sull’attività dei soggetti ad esso sottoposti e/o da esso coordinati.

Art. 17 Professionalità
1. I soggetti operanti all’interno della Società, ovvero quelli ai quali Caffè Trombetta S.p.A. affida l’espletamento di determinati servizi, sono dotati di comprovati requisiti di competenza, professionalità ed esperienza.
2. Con particolare riferimento al proprio personale la Società cura con costanza la formazione, l’aggiornamento e la crescita professionale.

Art. 18 Tutela dell’ambiente
1. Caffè Trombetta S.p.A. contribuisce alla diffusione ed alla sensibilizzazione nelle tematiche della tutela dell’ambiente e gestisce le attività ad essa affidate, nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria vigente.
2. La Società asseconda le aspettative dei propri clienti relativamente alle questioni ambientali, assumendo ogni idoneo strumento di tutela e cautela e condanna qualsiasi forma di danneggiamento e compromissione dell’eco-sistema.

Capo III – Criteri comportamentali

Art. 19 Compagine sociale
1. Caffè Trombetta S.p.A. vigila affinché i Soci non si pongano in contrasto con gli interessi sociali perseguendo interessi propri o di terzi, estranei e contrari all’oggetto sociale, ovvero adottando comportamenti parziali od operando in modo antitetico e confliggente con la Società.
2. Caffè Trombetta S.p.A. coinvolge tutti i Soci nell’adozione delle decisioni sociali di competenza, tenendo in considerazione e garantendo anche gli interessi della minoranza.
3. La Società garantisce ai Soci una tempestiva ed esaustiva informazione nonché la trasparenza ed accessibilità ai dati ed alle documentazioni.

Art. 20 Organo amministrativo
1. L’organo amministrativo svolge le funzioni proprie con professionalità, autonomia, indipendenza e responsabilità nei confronti della Caffè Trombetta S.p.A., dei Soci, dei creditori sociali e dei terzi.
2. Gli Amministratori non devono impedire od ostacolare l’esercizio delle attività di controllo da parte degli organi preposti.
3. Gli Amministratori sono tenuti ad evitare situazioni in cui si possano verificare conflitti di interesse e ad astenersi dall’avvantaggiarsi personalmente di opportunità connesse allo svolgimento delle proprie funzioni.
4. A tal riguardo, pertanto, gli amministratori devono rispettare gli obblighi di legge. L’Amministratore, che in una determinata operazione ha, per conto proprio o di terzi, interesse in conflitto con quello della Caffè Trombetta S.p.A., deve darne notizia agli altri amministratori ed al collegio sindacale, precisandone la natura i termini, l’origine e la portata.
5. Il Consiglio di Amministrazione assume l’impegno di far rispettare i valori enunciati nel presente Codice, promuovendone la condivisione e la diffusione, anche nei confronti di terzi, nonché le prescrizioni comportamentali di cui al Modello di organizzazione, gestione e controllo assunto dalla Caffè Trombetta S.p.A..

Art. 21 Collegio Sindacale
1. I membri del Collegio Sindacale in carica formalmente nominati, adempiono le proprie funzioni con imparzialità, autonomia ed indipendenza, al fine di garantire un efficace controllo.
2. Il Collegio cura altresì l’informativa ed il dialogo tra i vari organi sociali interni ed esterni.
3. È assicurato al Collegio Sindacale libero accesso ai dati, alle documentazioni ed informazioni necessarie all’espletamento dell’incarico

Art. 22 Organismo di Vigilanza
1. Caffè Trombetta S.p.A. adeguandosi alla disciplina di cui al d.lgs. n. 231/01 e successive modificazioni/integrazioni ha istituito l’Organismo di Vigilanza al quale è riconosciuta, nell’esercizio delle proprie funzioni ispettive, ampia autonomia.
2. È assicurato all’Organismo di Vigilanza libero accesso ai dati, alle documentazioni ed informazioni necessarie all’espletamento dell’incarico.

Art. 23 Selezione ed assunzione del personale
1. In osservanza delle Convenzioni dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, la Società si impegna a rispettare i diritti umani fondamentali.
2. La Caffè Trombetta S.p.A. offre a tutti i lavoratori le medesime opportunità di lavoro, facendo in modo che tutti possano godere di un trattamento equo basato su criteri di merito, senza discriminazione alcuna.
3. La Società, pertanto, cura la selezione ed assunzione del personale dipendente assicurando il rispetto dei valori di pari opportunità ed eguaglianza in linea con le prescrizioni di legge in materia, con lo Statuto dei lavoratori ed il CCNL applicabile.
4. Tale processo comprende la verifica della rispondenza tra il profilo dei vari candidati e le esigenze aziendali nel rispetto dei principi fissati dal legislatore e dall’avviamento obbligatorio nei confronti del personale appartenenti alle categorie protette. Pertanto, ai dipendenti della Società è fatto divieto espresso di accettare o sollecitare promesse o versamenti di denaro, beni o benefici, pressioni o prestazioni di qualsiasi tipo, che possano essere finalizzati a promuovere l’assunzione come dipendente di un lavoratore o il suo trasferimento o la sua promozione.
5. L’assunzione del candidato selezionato presuppone la regolare sottoscrizione, tra Caffè Trombetta S.p.A. ed il candidato, del contratto di lavoro applicabile, che dovrà indicare tutti gli elementi fondamentali del rapporto instaurato.
6. Qualora l’assunzione concerna un soggetto che abbia avuto un rapporto di lavoro con una Società concorrente devono essere rispettati i perduranti obblighi legali ed etici del neo-assunto verso il suo precedente datore di lavoro.

Art. 24 Gestione dei rapporti di lavoro
1. I rapporti di lavoro che Caffè Trombetta S.p.A. instaura sono conformi a principi di reciproco rispetto, equo trattamento e meritocrazia. In tal senso la Società contrasta ogni forma di favoritismo, o di discriminazione.
2. La gestione del rapporto e la scelta del tipo di contratto di lavoro si basa su un’attenta valutazione del profilo del soggetto tenendo in considerazione le richieste di quest’ultimo e adottando modelli contrattuali flessibili offerti dalla legislazione vigente.
3. Il potere gerarchico viene esercitato nel pieno rispetto dei diritti del personale, con obiettività ed equilibrio. Del pari il personale presta la massima collaborazione nell’osservare le disposizioni impartite dai soggetti “apicali” assumendo la massima diligenza e perizia nello svolgimento delle mansioni affidate.
4. Il personale è tenuto all’obbligo di fedeltà nei confronti della Caffè Trombetta S.p.A. non potendo assumere occupazioni alle dipendenze di terzi, ovvero collaborazioni non preventivamente autorizzate e non potendo comunque svolgere attività contrarie agli interessi della Società o incompatibili con i doveri d’ufficio.

Art. 25 Uso del patrimonio aziendale
1. I documenti, gli strumenti di lavoro, gli impianti e le dotazioni ed ogni altro bene, materiale ed immateriale (comprese le privative intellettuali ed i marchi) di proprietà della Caffè Trombetta S.p.A. sono utilizzati esclusivamente per la realizzazione dei fini istituzionali, con le modalità dalla stessa fissate; non possono essere utilizzati dal personale per finalità personali, né essere trasferiti o messi a disposizione di terzi e devono essere utilizzati e custoditi con la medesima diligenza di un bene proprio.
2. Il patrimonio aziendale comprende altresì le strategie ed i piani imprenditoriali, gli elenchi dei clienti, i dati relativi al personale, i programmi di marketing e di vendita, organigrammi, politiche dei prezzi dei prodotti, dati finanziari e contabili ed ogni altra informazione relativa all’attività, ai clienti e dipendenti della Caffè Trombetta S.p.A.

Art. 26 Divieto di accettazione doni e/o altre utilità
1. Il personale della Società non è autorizzato ad accettare da terzi, per sé o per altri, alcuna forma di dono o compenso, utilità o servizio, di qualsiasi natura, anche non avente carattere economico, rivolti ad influenzare lo svolgimento delle proprie mansioni.

Art. 27 Percorsi di carriera
1. Caffè Trombetta S.p.A. favorisce la crescita professionale del proprio personale, valutandone la meritevolezza e le performances a cura dei soggetti che hanno effettivamente lavorato con l’interessato, nonché le competenze e le capacità, l’esperienza maturata e l’anzianità all’interno della Società

Art. 28 Assenza di discriminazioni
1. Caffè Trombetta S.p.A. vigila affinché nessuno dei propri componenti attui discriminazioni o attività di mobbing operata nei confronti di un soggetto in relazione all’età, al sesso, alle origini etniche, alle proprie convinzioni politiche e religiose, al proprio stato di salute, alle preferenze sessuali o altro status protetto dalla legge, e promuove l’organizzazione di incontri e/o eventi finalizzati allo sviluppo dello spirito di gruppo tra i componenti, alla conoscenza ed al rispetto reciproco.
2. La Società sanziona inoltre ogni manifestazione, compreso l’uso di termini o gesti, che sia molesta, offensiva o intimidatoria.
3. Qualsiasi componente della Caffè Trombetta S.p.A. che dovesse venire a conoscenza di situazioni di questo genere deve segnalarle al responsabile della direzione del personale.

Art. 29 Personale straniero
1. Caffè Trombetta S.p.A. si impegna, in ottemperanza delle disposizioni normative in materia, a non instaurare alcun rapporto di lavoro con soggetti privi di permesso di soggiorno ed a non svolgere alcuna attività atta a favorire l’ingresso illecito, in Italia, di soggetti clandestini.

Art. 30 Sicurezza sul lavoro
1. Caffè Trombetta S.p.A. è scrupolosa nel rispetto delle norme in materia di sicurezza ed igiene del lavoro.
2. La Società effettua un monitoraggio costante dei propri impianti per garantire il massimo della sicurezza e della qualità dei propri servizi.
3. Il personale ed i collaboratori della Società assicurano la massima disponibilità e collaborazione nei confronti del Responsabile ovvero di chiunque venga a svolgere ispezioni e controlli per conto degli Enti preposti.
4. Ove un componente della Caffè Trombetta S.p.A. riscontri anomalie o irregolarità in materia, dovrà tempestivamente informarne il responsabile interno del servizio di prevenzione e protezione dei rischi ed il Responsabile della Direzione Amministrativa.
5. Ogni dipendente della Caffè Trombetta S.p.A. non deve esporre gli altri dipendenti a rischi inutili che possano provocare danni alla loro salute o incolumità fisica.
6. Tutti coloro che lavorano per Società sono responsabili della buona gestione e del rispetto delle procedure adottate in materia di sicurezza e salubrità dell’ambiente di lavoro.

Capo IV – Rapporti con la Pubblica Amministrazione (P.A.)

Art. 31 Principi informatori
1. E’ vietato dare, offrire o promettere denaro od altre utilità, quali ad esempio servizi, prestazioni o favori che possano ragionevolmente essere interpretati come eccedenti le normali pratiche di cortesia, ovvero esercitare illecite pressioni nei confronti di pubblici ufficiali, incaricati di pubblico servizio, dirigenti, funzionari o dipendenti della Pubblica Amministrazione o di enti concessionari di pubblico servizio o di loro parenti o conviventi, sia italiani che stranieri, per indurre al compimento di qualsiasi atto conforme o contrario ai doveri di ufficio.
2. Nei rapporti con la Pubblica Amministrazione o con concessionari di un pubblico servizio, la Società non dovrà farsi rappresentare da terzi quando si possano creare conflitti d’interesse.

Art. 32 Gare ed appalti pubblici
1. In occasione della partecipazione a gare indette dalla P.A. per la fornitura di beni e/o servizi, Caffè Trombetta S.p.A. mantiene rapporti conformi alle prescrizioni del bando ed alla normativa in materia.
2. Sono vietate pressioni o altri comportamenti maliziosi da parte di coloro che operano in nome o per conto della Caffè Trombetta S.p.A. nella gestione e nei rapporti con la P.A., volti ad indurre quest’ultima ad assumere atteggiamenti favorevoli o decisioni in favore della Società in modo illecito e, comunque, contrario ai principi del presente Codice.

Art. 33 Rapporti con le Autorità Pubbliche di Vigilanza
1. Nell’ambito dei rapporti con le Autorità Pubbliche di Vigilanza, la Società assicura la massima disponibilità e collaborazione, anche in sede di ispezioni e verifiche nonché, se dovuti e/o richiesti, una completa informazione, produzione di dati e documentazioni nel rispetto dei principi di trasparenza, completezza e correttezza e delle loro funzioni istituzionali.

Art. 34 Finanziamenti pubblici
1. Nell’ipotesi di partecipazione a bandi di gara per l’ottenimento di finanziamenti agevolati, erogati da soggetti pubblici nazionali e/o comunitari, è fatto divieto di realizzare qualsiasi artificio o raggiro per ottenere, ingiustamente, tali finanziamenti, sovvenzioni o provvidenze a carico della P.A., ovvero distrarne l’utilizzo vincolato.

Art. 35 Rapporti con l’Autorità giudiziaria
1. La Caffè Trombetta S.p.A. collabora attivamente con le autorità giudiziarie, le forze dell’ordine e qualunque pubblico ufficiale nell’ambito di ispezioni, controlli, indagini o procedimenti giudiziari.
2. E’ fatto espresso divieto di promettere doni, denaro o altri vantaggi a favore di tali autorità giudiziarie o di chi effettua materialmente le suddette ispezioni e controlli al fine di far venire meno la loro obiettività di giudizio nell’interesse della Società.
3. E’ fatto divieto di esercitare pressioni, di qualsiasi natura, sulla persona chiamata a rendere dichiarazioni davanti all’autorità giudiziaria, al fine di indurla a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci.
4. E’ fatto divieto di aiutare chi abbia realizzato un fatto penalmente rilevante ad eludere le investigazioni dell’autorità od a sottrarsi alle ricerche di questa.

Capo V – Relazioni esterne

Art. 36 Rapporti con la clientela
1. Obiettivo aziendale preminente è quello di accrescere il grado di soddisfazione e gradimento dei propri servizi/prodotti, sensibilizzandosi alle esigenze della clientela, anche potenziale, e fornendo ad essa informazioni veritiere, accurate, complete e corrette.
2. Tali rapporti vengono gestiti secondo principi di massima collaborazione, disponibilità professionalità e trasparenza, nel rispetto della riservatezza e della tutela della privacy al fine di creare le basi per un rapporto solido e duraturo, di fiducia reciproca.
3. La Società persegue l’obiettivo di soddisfare pienamente le aspettative del cliente finale e pretende che i propri clienti siano trattati, sempre, in modo corretto ed onesto. Pertanto, esige dai propri dipendenti e dagli altri destinatari del Codice che ogni rapporto e contatto con la clientela sia improntato ad onestà e correttezza professionale.
4. La Società s’impegna a garantire che le proprie attività di affari vengano svolte in modo tale da non violare in alcuna circostanza le leggi internazionali di embargo e controllo delle esportazioni vigenti nei Paesi nei quali Caffè Trombetta S.p.A. opera o potrebbe operare.

Art. 37 Rapporti con fornitori, consulenti e outsourcers
1. La scelta dei fornitori si basa su una attenta valutazione di ordine tecnico-economico in considerazione dei seguenti parametri: analisi dei prodotti, dell’offerta, della convenienza economica, dell’idoneità tecnica e professionale, della competenza ed affidabilità.
2. I prodotti e/o servizi forniti devono in ogni caso risultare conformi e giustificati da concrete esigenze aziendali.
3. In vigenza di rapporti continuativi di fornitura Caffè Trombetta S.p.A. intrattiene rapporti impegnati sui principi di buona fede e trasparenza e dal rispetto dei valori di equità, imparzialità, lealtà e pari opportunità.
4. Prima di addivenire al pagamento della relativa fattura la Società verifica l’effettività, la qualità, la congruità e tempestività della prestazione ricevuta e l’adempimento di tutte le obbligazioni assunte dal fornitore.
5. I rapporti della Caffè Trombetta S.p.A. con i consulenti esterni, collaboratori ed eventuali outsourcers si basano sui medesimi principi e criteri selettivi di cui ai commi precedenti.
6. La Caffè Trombetta S.p.A., a tutela della propria immagine ed a salvaguardia delle proprie risorse, non intrattiene rapporti di alcun tipo con soggetti che non intendono operare nel rigoroso rispetto della normativa vigente o che rifiutino di conformarsi ai valori ed ai principi che hanno ispirato il presente Codice.
7. Nel caso in cui la Società abbia necessità di avvalersi di prestazioni professionali di dipendenti della Pubblica Amministrazione, in qualità di consulenti, deve essere rispettata la normativa vigente.

Art. 38 Partner commerciali e Competitors
1. La Caffè Trombetta S.p.A. impronta i rapporti con i propri partner commerciali e le imprese concorrenti alla puntuale osservanza delle leggi, delle regole di mercato e dei principi ispiratori della concorrenza leale, contrastando ogni forma di accordo o comportamento potenzialmente illecito o collusivo.
2. La raccolta di informazioni sulla concorrenza deve rispettare la normativa sulla privacy ed escludere ogni forma di pressione su dipendenti od ex dipendenti, su clienti o su fornitori di concorrenti.
3. Ogni operatore della Caffè Trombetta S.p.A. deve astenersi dal fornire alla concorrenza informazioni concernenti la politica dei prezzi dei prodotti, il mercato d’interesse societario, i prodotti in corso di sviluppo, i piani di vendita e di marketing ed in generale ogni tipo di informazione che possa ridurre o pregiudicare i vantaggi competitivi dell’azienda.

Art. 39 Organizzazioni sindacali
Caffè Trombetta S.p.A. cura i rapporti con le Organizzazioni sindacali al fine di garantire un dialogo partecipativo per la gestione delle risorse lavorative.

Capo VI – Tutela del Consumatore

Art. 40 Diritti del consumatore
1. La Caffè Trombetta S.p.A. riconosce e garantisce i diritti e gli interessi individuali e collettivi dei consumatori e degli utenti.
2. Ai consumatori ed agli utenti sono riconosciuti i diritti fondamentali a tutela della salute, della sicurezza e della qualità dei prodotti e dei servizi, di un’adeguata informazione e corretta pubblicità. Inoltre la Società impronta l’esercizio delle pratiche commerciali ai principi di buona fede, correttezza e lealtà, all’educazione al consumo, alla correttezza, alla trasparenza ed all’equità nei rapporti contrattuali, all’erogazione di servizi pubblici secondo standard di qualità e di efficienza.

Art. 41 Garanzie sui prodotti
1. La Caffè Trombetta garantisce l’assoluta genuinità dei prodotti, nel rispetto tutte le prescrizioni di legge e le relative normative di settore.
2. La Società immette sul mercato solo prodotti sicuri, non dannosi per la salute dei consumatori.
3. La Caffè Trombetta adotta misure adeguate alle caratteristiche del prodotto fornito.
4. La Società vieta l’acquisto, la messa in vendita od in circolazione di qualsivoglia opera dell’ingegno priva del contrassegno SIAE o in violazione della normativa sul copyright.

Capo VII – Gestione contabile e finanziaria

Art. 42 Gestione dei flussi finanziari
1. E’ fatto divieto di sostituire o trasferire denaro, beni o altre utilità provenienti da attività illecita ovvero compiere in relazione ad essi altre operazioni, tali da ostacolare l’identificazione della loro provenienza. E’ fatto, altresì, divieto di impiegare in attività economiche o finanziarie i predetti beni.
2. A tal fine, in via preventiva, devono essere verificate le informazioni disponibili (incluse le informazioni finanziarie) su controparti commerciali e fornitori, per appurarne la rispettabilità e la legittimità della loro attività prima di instaurare con questi rapporti di affari.
3. E’ vietato mettere in circolazione banconote, monete, carte di pubblico credito, valori di bollo e carta filigranata false o contraffatte.
4. Chiunque riceve in pagamento banconote o monete o carte di pubblico credito false o rubate, per rapporti imputabili alla Caffè Trombetta S.p.A. ha l’obbligo di informare il proprio superiore, affinché provveda alle opportune denunce.

Art. 43 Registrazioni contabili
1. La Caffè Trombetta S.p.A. fornisce una rappresentazione chiara, corretta e veritiera delle proprie registrazioni, effettuate in conformità al codice civile, ai principi contabili e nel rispetto delle norme fiscali vigenti, in modo tale da assicurare la trasparenza e la tempestività di verifica.
2. La Società previene la creazione di registrazioni false, incomplete o ingannevoli e vigila affinché non vengano istituiti fondi segreti o non registrati, o depositati in conti personali, o emesse fatture per prestazioni inesistenti.
3. Ogni operazione e transazione finanziaria deve essere correttamente registrata, autorizzata, verificabile, legittima, coerente e congrua.
4. Di ogni operazione deve essere possibile la verifica del processo di decisione, autorizzazione e svolgimento. A tal fine vi deve essere un adeguato supporto documentale che permetta di controllare, in ogni momento, le motivazioni dell’operazione e chi ha autorizzato, effettuato, registrato, verificato l’operazione stessa.
5. E’ fatto espresso divieto in particolare ad amministratori e sindaci di rappresentare, nei bilanci, nei libri sociali e nelle comunicazioni dirette a soci e/o a terzi, fatti materiali non rispondenti al vero, ovvero di omettere informazioni dovute per legge circa la situazione economica, patrimoniale e finanziaria della Società, in modo da indurre in errore i destinatari, ovvero da cagionare un danno patrimoniale ai soci e ai creditori sociali.
6. Secondo il principio di controllo della separazione dei compiti, le singole operazioni contabili e la loro successiva supervisione e revisione sono svolte da soggetti diversi, le cui competenze sono chiaramente individuate all’interno della Caffè Trombetta S.p.A. in modo da evitare che possano essere attribuiti poteri illimitati e/o eccessivi a tali singoli soggetti.
7. E’ vietata ogni azione o omissione capace di impedire, ostacolare o falsare le attività di controllo riservate ai soci, o attribuite ad organi di controllo anche extra sociali.

Art. 44 Operazioni sul capitale
1. E’ vietato, anche mediante condotte dissimulate, restituire i conferimenti effettuati dai soci o liberarli dall’obbligo di eseguirli, fuori dai casi di legittima riduzione del capitale sociale.
2. E’ vietato ripartire utili o acconti su utili non effettivamente conseguiti o destinati a riserva o distribuire riserve indisponibili;
3. E’ vietato effettuare riduzioni del capitale sociale, fusioni o scissioni in violazione delle disposizioni di legge a tutela dei creditori.
4. E’ vietato formare od aumentare fittiziamente il capitale della Società, mediante attribuzione di azioni o quote per somma inferiore al loro valore nominale, sottoscrizione reciproca di azioni o quote, sopravvalutazione rilevante dei conferimenti di beni in natura o di crediti, ovvero del patrimonio della Caffè Trombetta S.p.A. in caso di trasformazione.
5. E’ vietata ogni genere di operazione che possa cagionare danno ai creditori.

Art. 45 Comunicazioni alle Autorità Pubbliche di Vigilanza
1. È doveroso effettuare con tempestività, trasparenza, veridicità e completezza le comunicazioni previste dalla legge nei confronti delle Autorità Pubbliche di Vigilanza, non opponendo alcun ostacolo all’esercizio delle funzioni delle predette Autorità.
In particolare, è fatto divieto di:
• esporre in tali comunicazioni e nella documentazione trasmessa, fatti non rispondenti al vero oppure occultare fatti concernenti la situazione economica, patrimoniale o finanziaria della Caffè Trombetta S.p.A.;
• porre in essere qualsiasi comportamento che sia di ostacolo all’esercizio delle funzioni da parte delle Autorità pubbliche di vigilanza, anche in sede di ispezione (rifiuti pretestuosi, comportamenti ostruzionistici o di mancata collaborazione);
• omettere le comunicazioni dovute alle predette Autorità.

Art. 46 Votazioni in assemblea
1. E’ vietato, con atti simulati o fraudolenti, determinare maggioranze fittizie nelle assemblee della Caffè Trombetta S.p.A.

Art. 47 Contributi, sponsorizzazioni e omaggi
1. Caffè Trombetta S.p.A. può concedere contributi e sponsorizzazioni a privati ed enti pubblici e non profit, che siano regolarmente costituiti, specie se finalizzate ad obiettivi sociali, culturali e di solidarietà, nel rispetto delle prescrizioni della normativa contabile, bilancistica e fiscale.

Art. 48 Accordi associativi
1. La Caffè Trombetta rifiuta qualsivoglia forma associativa o accordo associativo di tipo illegale, nazionale od estero, finalizzata al compimento di reati o di condotte contrarie alla legge ed alle normative di settore.

Capo VII – Gestione delle attività e dei supporti informatici

Art. 49 Gestione di documenti e sistemi informatici.
1. E’ vietata la falsificazione, nella forma o nel contenuto, di documenti informatici pubblici o privati.
2. E’ altresì vietata qualsiasi forma di utilizzazione di documenti informatici falsi, così come la soppressione, la distruzione o l’occultamento di documenti veri.
Per “documento informatico” si intende qualsiasi rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti.
3. E’ vietato accedere abusivamente ad un sistema informatico o telematico protetto da misure di sicurezza o mantenersi nello stesso contro la volontà, espressa o tacita, del titolare del sistema.
4. E’ vietato effettuare abusivamente il reperimento, la riproduzione, la diffusione, la consegna, o la comunicazione di codici, parole chiave o altri mezzi idonei all’accesso ad un sistema informatico o telematico protetto, o anche soltanto fornire indicazioni o istruzioni idonee al suddetto scopo.
5. E’ vietato procurarsi, produrre, diffondere, consegnare o, comunque, mettere a disposizione della Società o di terzi apparecchiature, dispositivi o programmi idonei a danneggiare un sistema informatico, o telematico, altrui, le informazioni in esso contenute o alterarne, in qualsiasi modo, il suo funzionamento.
6. E’ vietato intercettare, impedire o interrompere comunicazioni relative ad uno o più sistemi informatici, o telematici. E’ altresì vietata qualsiasi forma di rivelazione, anche parziale, a terzi del contenuto delle informazioni intercettate. E’ inoltre vietato installare apparecchiature volte ad impedire, intercettare o interrompere le comunicazioni suddette.
7. E’ vietata la distruzione, il deterioramento, la cancellazione, l’alterazione o la soppressione di sistemi informatici o telematici, e delle informazioni, dati o programmi negli stessi contenuti, di proprietà privata o utilizzati dallo Stato, da altro ente pubblico o ad esso pertinenti, o comunque di pubblica utilità.
8. E’ vietata l’utilizzo di software aziendali privi della licenza d’uso e del marchio SIAE, non conformi alle normative sul copyright e sul diritto di autore.

Capo VIII – Norme finali

Art. 50 Sistema sanzionatorio
1. Le violazioni delle norme contenute nel presente Codice Etico saranno sanzionate secondo quanto previsto dal Sistema disciplinare (Allegato 6). Pertanto, quest’ultimo deve leggersi in combinato disposto con le indicazioni contenute nel presente allegato, al fine di identificare in modo dettagliato i precetti comportamentali la cui violazione da luogo all’applicazione di una sanzione disciplinare secondo le modalità ivi previste.

Art. 51 Rinvio
1. Il Codice Etico trova attuazione coordinata con le prescrizioni del Modello di organizzazione gestione e controllo adottato dalla Caffè Trombetta S.p.A. ex d.lgs. n. 231/01.

Home → Codice Etico